MICHELE CHIESA

 

Aiuto le persone a risolvere dolori e superare i propri limiti.

Impara dalla mia storia e scopri le mie strategie per prevenire e curare dolori e stress.

Diventa protagonista del tuo recupero e dei tuoi risultati!
Seguimi alla scoperta dei segreti della riabilitazione.

Iscriviti gratis alla community e accedi istantaneamente

al mio gruppo privato, alla mia guida “Stressati è bello”, ai miei consigli via email e ai miei video educativi.

Capire i sintomi, scegliere la cura giusta e cambiare stile di vita.

Esiste una dimensione della cura di cui non parla nessuno. 

Il lato umano – probabilmente quello che fa la differenza – che rende efficace una terapia rispetto ad un’altra.

Ogni professionista crede di essere abbastanza esperto da poter cambiare il corso di una malattia e la vita dei suoi pazienti.

Ogni persona che soffre ha una sua storia ed un’esperienza che la rende unica: va ascoltata.

In questo momento c’è chi cerca di comprendere le proprie sensazioni, trovare una soluzione o aiutare una persona cara, prima di un esame, in dubbio se fare altre visite o terapie.

Osteoclinic nasce per dare un porto sicuro a queste persone. Permettere loro di prendersi cura della propria salute in modo consapevole.

Tu metti la tua storia, i tuoi sintomi e le tue esperienze, io ti insegno la strategia per raggiungere i tuoi obiettivi.

Chi sono?

10 Marzo 1979. Nasco a Brescia, città laboriosa e concreta.

Silenzioso osservatore della natura, amo rimanere in ascolto e cogliere le sfide.

Ho iniziato a conoscere il mondo della riabilitazione come atleta in seguito a  traumi, fratture e infortuni.

Mi sono laureato in fisioterapia nel 2001 e non ho mai perso la curiosità di imparare e sperimentare l’efficacia dei metodi esistenti per curare il dolore e gli effetti di sforzi e stress.

Ricevo su appuntamento a Monticelli, Brescia e Soave e mi occupo di formazione: sono innamorato del mio lavoro.

Amo viaggiare e ho costruito il mio lavoro attorno a queste due grandi passioni.

Se vuoi conoscere altri dettagli sulla mia vita personale e su Osteoclinic li trovi a fine pagina.

Sei mai stato a uno dei miei corsi?

Ero indeciso se dire “miei”. Ma perché no?

Organizzo corsi per fisioterapisti e professionisti sanitari con colleghi e influencer internazionali.

Ogni volta si trasformano in grandi momenti di network e condivisione per finire in aperitivi e cene memorabili.

Vuoi partecipare al prossimo? Assicurati di essere iscritto alla mia Newsletter!

Quest’estate ci sarà il primo fantastico Meetup sull’isola di Procida.

Sarà una cornice stupenda per il raduno più divertente della storia tra terapisti proiettati nel futuro.

Partecipare significa prendere un aperitivo con alcuni dei migliori Terapisti Italiani.

MICHELE CHIESA

Ciao, mi chiamo Michele Chiesa e sono Dottore laureato in Fisioterapia all’Università degli Studi di Brescia.

Classe 1979. Divento perito elettronico presso l’Istituto Tecnico Industriale Statale Benedetto Castelli di Brescia. Per chi è di Brescia, basta così.

Attualmente sta completando la laurea magistrale in Neuroscienze Cognitive e Processi decisionali presso l’Università Statale di Milano dopo un infinito e dispendioso percorso di studi in osteopatia, yoga e tanto altro che potrai leggere comodamente nel curriculum di Michele Chiesa.

Nel 2017 creo Osteoclinic.it per promuovere la mia attività professionale come fisioterapista a Bresciaosteopata a Rodengo Saiano Ome Monticelli Brusati Passirano Gussago e Franciacorta e come fisioterapista osteopata a Soave , il sito diventa poi un punto di riferimento anche per i professionisti del settore riabilitativo in Italia. 

Sport: le mie esperienze

Ho fatto praticato e pratico diversi sport.

Nel mio cuore rimangono le esperienze di portiere di calcio nella Polisportiva Giovanile Salesiana PGS Bettinzoli, ma soprattutto quella di giocatore di pallanuoto nel settore giovanile della A.N. Leonessa Brescia. Scio da quando ho 4 anni (quando gli sci erano molto lunghi di adesso😊).

Sport e studio sono da sempre i miei compagni di vita: solo grazie a loro ho maturato la comprensione del termine resilienza.

Ora sono un professionista e imprenditore indaffarato, ma conservo i miei spazi personali: meditazione, yoga corsa mi aiutano a mantenere cocentrazione e ridurre lo stress.

 

Professionista 

Ho un’esperienza ormai ventennale nel mondo della riabilitazione.

Essere tutor clinico di terapia manuale osteopatica per gli studenti del Master di “Trattamento dei disturbi muscolo-scheletrici” dell’Università di Verona mi dà la possibilità di riflettere e comunicare quale sia l’essenza del mio lavoro.

  

Osteoclinic.it

Con questo sito divento divulgatore: voglio collaborare ad una migliore cultura della salute in Italia aderendo a standard di informazione etica per siti che trattano di medicina e salute.

Qui incanalo la passione per il mio lavoro, la mia anima scettica, la mia inguaribile ironia e i miei hobby: i viaggi, la fotografia, il marketing e la tecnologia.

Tutto ciò che leggi è il frutto di quasi vent’anni di esperienza, formazione e letture di approfondimento.

 

Salute online: confronti con l’era pre-Google

 

Chi non è della mia generazione non immagina quanto sia cambiata la società, il modo di vivere e il mondo della salute.

Una volta si andava in università. I pazienti si fidavano del dottore (Dio in Terra) e del medico “condotto” o “della mutua” (una sorta di amico guru). Ora non è più così 😀

Piaccia o no, la medicina si è evoluta. Il medico ha perso il primato di depositario del potere terapeutico.

Esistono molti professionisti ben fomati in branche della medicina che sollevano il suo carico di lavoro (fisioterapisti, tecnici radiologi, ostetriche, nutrizionisti per esempio).

Spoiler! In rete si trova davvero tutto il necessario per essere dei buoni professionisti e dei pazienti consapevoli. MA…

UN GRANDE MA: senza studiare in università e aver esperienza sul campo non sarà possibile selezionare le informazioni valide e nessuno valuterà che interpretazione si dà ad esse.

Su internet c’è tutto e il contrario di tutto

È vero! Per la maggioranza dei siti l’intento è di attrarre l’attenzione del lettore, aumentare le visualizzazioni e convertirlo in acquirente.

La difficoltà odierna sta infatti nel sapere quale sia la fonte affidabile di informazione, selezionare l’essenziale e capire qual sia il messaggio che vuole lasciarti.

Questo è ancora il primato delle università nella formazione delle professioni sanitarie.

Pubblicità e sponsor

Osteoclinic.it non ha sponsornon troverai inserzioni pubblicitarie per una mia scelta etica. 

Puoi trovare dei link ad amazon da cui ricevo una piccola percentuale sul tuo eventuale acquisto per ammortizzare i costi di produzione dei contenuti.

 

Aggiornamento dei contenuti

Troverai all’inizio dell’articolo la data di pubblicazione e al termine la data delle successive revisioni.

La scienza infatti avanza e quello che era dato per scontato ieri non lo è oggi. Se ritieni abbia scritto delle inesattezze, sei al corrente di aggiornamenti su di un argomento ti chiedo la cortesia di segnalarlo privatamente.

 

Fonti bibliografiche e di ispirazione 

Numerose citazioni bibliografiche saranno sempre disponibili al termine di ogni articolo.

Osteoclinic.it è un sito divulgativo. Il linguaggio che uso è discorsivo e semplificato volutamente.

Gli articoli sono frutto di studio, revisione della letteratura e collaborazione coi più noti esperti nell’ambito del dolore muscolo-scheletrico che ho avuto la fortuna di incontrare, anche solo virtualmente.

 

Mission del mio progetto

Unisco le mie forze e risorse alla missione di Nino Cartabellotta con Fondazione GIMBE   e altri eroi e strenui sostenitori del nostro Sistema Sanitario Nazionale.

Da anni un movimento di professionisti sanitari come me lotta per salvare questo prezioso bene da interessi economici e inefficienze di varia natura.

Molti professionisti come me, spendono di tasca propria per collaborare attivamente a un bene comune: la salute pubblica.

Questo sito è uno strumento per il cittadino italiano a cui interessa risolvere dolori e stress attraverso un approccio scientifico, efficiente e sicuro.

Lo potrà fare consultando le risorse che metto a disposizione gratuitamente o attraverso la compravendita di infoprodotti, che garantire la mia indipendenza da inserzioni pubblicitarie.

 

Università della Vita

  • 18 anni trascorsi tra corsi di formazione come fisioterapista, osteopata, massaggiatore, insegnante yoga e chi più ne ha più ne metta.
  • Inestimabili collaborazioni dal vivo, via mail, via chat, via social (dottorati, docenti universitari, rinomati influencer…ormai è così! Non fare finta che non sia vero).
  • 18 anni di esperienza clinica a tempo pieno in clinica, cooperative sociali, poliambulatori a Brescia, ambulatori, studio fisioterapico professionale e a domicilio a Brescia e Provincia (mamma quanti chilometri e orari allucinanti).
  • Diversi tentativi imprenditoriali e durevoli collaborazioni come consulente esterno.
  • 2 figli e 10 anni da papà: specializzato in negoziazione. 😊
  • Soccorritore in ambulanza. Un’esperienza di 9 anni dove ho imparato l’importanza di lavorare in team, di scegliere velocemente e capire cosa fa la differenza.
  • Incidenti, Fratture, distorsioni, lussazioni, strappi, contusioni, interventi non si contano più. Non possono neppure usare questa scusa i miei pazienti per giustificarsi 😀

Critiche possibili

Sì, ma non sei un medico…sì, ma non sei uno psicologo…sì ma non sei…

Quello della riabilitazione è un settore composto da molte figure professionali, trasversale al mondo di medici, psicologi e altre figure che storicamente si occupano di salute.

La possibilità di screditare un fisioterapista è sempre dietro la porta. Solitamente l’argomento usato è il numero di anni di studio.

Spenderò poche parole per chiarire con gli scettici: le pubblicazioni da utilizzare per per argomentare la discussione sono accessibili online da tutti.

Saranno i miei lettori a trovare più o meno utile quello che dico. Le recensioni di Michele Chiesa professionista le trovate sulle mie schede e profili social.

Che esperienza clinica hai?

Nell’ambito delle mie qualifiche.

Sono consapevole che esistano professionisti sanitari con molte più ore in curriculumNon faccio a gara di esperienza con nessuno, in particolare con medici.

Mi battono di gran lunga. I medici-chirurghi studiano per fare diagnosi più complesse, su un numero di patologie più ampio e con un ventaglio di strumenti terapeutici maggiore.

Io mi occupo solo di valutare e trattare in modo conservativo disturbi muscolo-schelettrici.

La fisioterapia è una nicchia iperspecialistica, proprio per questo motivo, un po’ come l’odontoiatria.

Così funziona in tutti gli stati avanzati (non solo quelli Occidentali!).

Qui trovi il sito della federazione internazionale dove la fisioterapista è professione sanitaria riconosciuta (WCPT). Fisioterapisti, non tecnici della riabilitazione agli ordini del medico quindi.

Nel 2019 è importante capire per tutti come il numero di ore di esperienza non assegni un alto grado di expertise.

Il valore aggiunto è la capacità critica di mettere in dubbio la propria esperienza clinica per estrapolare dati reali e concreti.

La domanda migliore da pormi sarebbe:

cosa lasceresti della tua esperienza clinica?

Molte delle qualifiche e dei titoli che ho acquisito negli anni non hanno senso di esistere: la scienza progredisce. Nessun rammarico però.

Sei un esperto nel tuo campo?”

Mi ritengo tale solo perché ho dei titoli accademici che attestano il mio percorso e perché passo la vita a leggere, studiare e sperimentare.

Questo non fa di me un guru o un intoccabile, anzi: ammetto di essermi sbagliato più volte di quelle in cui avevo ragione.

Sono stato formato da medici, psiologi e colleghi convinti che per guarire il dolore si debba agire sul corpo.

L’anacronistica dicotomia tra mente-corpo è tuttora presente nei piani didattici delle facoltà di medicina e psicologia. Questo alimenta l’acerrima lotta di competenze tra medici, psicologi, fisioterapisti e decine di altre figure affini.

Le neuroscienze hanno ridimensionato da decenni il modello biomedico e la psicologia freudiana a favore di una maggior collaborazione interprofessionale e una minore coltivazione 😊 del proprio orticello.

Sono fisioterapista e sono iscritto all’Ordine TSRM PSRT. Questo a garanzia e tutela della mia etica professionale, di ciò che scrivo, di quello che metto in pratica e della validità del mio titolo di laurea.

Ti sembrerà bizzarro sapere che tra i corsi che ho frequentato ci sono cose molto “alternative” come quella del massaggio cinese.

Sono sempre stato un personaggio fuori dalle linee: non mi sono mai accontentato di quello che mi si racconta nè del pezzo di carta sulla parete.

Sono tuttora affascinato dall’esistenza di strade differenti per ottenere i medesimi risultati.

Mi piace leggere libri di crescita personale, psicologia, comunicazione e digital marketing…sono uno smanettone insomma. Nei miei articoli scoprirai quali sono i miei autori preferiti.

Lungo il mio percorso professionale ho incontrato persone meravigliose e capaci, non posso ricordarle tutte, sarebbe palloso per chi legge.

Faccio memoria di ognuna di loro usando un’ottima suggestione da trainer di PNL camminando tra i miei valori e interloquendo coi miei mentori 😊

rinneghi l’osteopatia e il tuo passato?

Osteopatia, Medicina Tradizionale Cinese, agopuntura, yoga e molte altre discipline sono accusate di essere pseudoscientifiche.

Ciò non toglie che sia importante per un professionista sanitario come me, capire la loro utilità nel prevenire e curare il dolore.

Chi parla senza sapere non fa una buona figura, io sono della generazione che crede in questo valore. Mi fermo qui.

 Ma comunque ti pubblicizzi come fisioterapista, osteopata e insegnante yoga…

Amo la mia professione, faccio massaggi, manipolo e faccio “cose strane”.

Il mio è un lavoro creativo e di relazione in cui faccio riscoprire il corpo alla mente dei miei pazienti e la mente al corpo, ogni trucco è valido, ma è il ragionamento clinico dietro che fa la differenza.

Le maggior parte delle persone che mi chiamano lo fanno per sdraiarsi sul lettino, rilassarsi, farsi massaggiare, scroccare, scaldare, raffreddare, pungolare, strisciare, elettrizzare (sembra quasi una tortura cinese detta così :-D)  e insegnare qualche esercizio nella speranza di guarire (subito e senza fatica possibilmente :-D).

Non ci trovo nulla di male, ognuno di noi vorrebbe andare al ristorante senza pagare, andare sempre in vacanze senza lavorare. Poi ognuno trova la sua strada per ottenere i propri obiettivi.

Non mi sento diverso da altri professionisti.

Le persone vanno dal medico per farsi prescrivere la pillola per guarire qualsiasi disturbo o un’intervento miracoloso per riparare “cose” oppure per ringiovanire.

Dallo psicologo vanno per farsi strizzare il cervello (proprio quando si è messi male…).Vero? 😊

Non si chiamerebbero luoghi comuni se non fossero…comuni, appunto!

Molte cose che faccio in studio sarebbero bollate da colleghi come pseudoscientifiche.

D’altra parte devo coniugare le aspettative dei miei clienti con le mie conoscenze procedendo per gradini.

Disclaimer medico ed etico

I contenuti presenti nel sito osteoclinic.it NON SONO SOSTITUTIVI DI UNA FORMAZIONE ACCADEMICA (non puoi curare nessuno leggendo i miei articoli) e NON SONO SOSTITUTIVI DI UNA VISITA MEDICA NE’ DI UN INTERVENTO DI UN PROFESSIONISTA SANITARIO.

Nonostante ciò trovi quello che molti docenti universitari spiegano a lezione, ma con un linguaggio molto più comprensibile 😛

Lascio la possibilità, in fondo ad ogni articolo di commentare.

 

Commenti ai miei post

Ogni commento è soggetto alla mia autorizzazione per evitare spam, link pubblicitari e critiche prive di riferimenti bibliografici che consentano una serena discussione.

Attendo i vostri commenti, consapevole di non essere un tuttologo e della mia scelta di aver semplificato concetti molto complessi.

Chiedo venia nei confronti di colleghi fisioterapisti, osteopati, insegnanti yoga, terapisti tuina, trainer e chiunque si sia sentito preso in causa dalle mie affermazioni forti.

Come ho detto continuare a studiare e mettersi in discussione aiuta a tutte le età, a prescindere dall’esperienza.

Il nostro settore ha basi scientifiche poco solide come altri settori delle scienze umane: tutto ciò che gira attorno al fenomeno del dolore è tuttora misterioso e complesso.

Nessuno ha la verità in tasca. 

C’è sempre uno studio che dice una cosa e uno che dice il suo esatto contrario.

Vero!  Se non sai leggerli. Anche se sei un professionista senza una formazione adeguata per saperlo fare.

Rimango comunque aperto a prospettive diverse…in modo critico però! Nessun rammarico, ma nessun atto di fede.

“Costui crede di sapere mentre non sa; io almeno non so, ma non credo di sapere. Ed è proprio per questa piccola differenza che io sembro di essere più sapiente, perché non credo di sapere quello che non so”

Socrate

Dolore nocicettivo

Il dolore nocicettivo è IL dolore. Quello causato da una lesione o da un danno imminente. È l’allarme che scatta quando un pericolo è rilevato dai nocicettori, raffinati sensori del sistema nervoso che ci tengono lontano dai guai. Accade anche se abbiamo paura o...

Dolore cronico: psicologia della riabilitazione

Dolore cronico, psicologia e riabilitazione sono intimamente legati: il dolore è un fenomeno naturale e complesso. La riabilitazione agisce sia a livello fisico, sia a livello psicolgico e consente di modificare comportamenti poco sani. Scopri come potenziare la cura...

Sensibilizzazione centrale e dolore cronico

La sensibilizzazione centrale è un meccanismo di vitale importanza per l’uomo: provoca un aumento sproporzionato della percezione del dolore, anche in assenza di uno stimolo reale, innescando e sostenendo la paura. Fondamentale per la sopravvivenza e l’adattamento...

Come raggiungere gli obiettivi in riabilitazione

Si parla sempre di mettere il paziente al centro di un percorso terapeutico personalizzato. Facile a dirsi. In questo articolo ti spiego come paziente e terapista possono creare insieme il percorso per raggiungere gli obiettivi prefissati.Il dolore è misurabile? Il...

Per il dolore è meglio il caldo o il freddo?

Usare il caldo o il freddo per trattare il dolore? Ognuno ha la propria versione, anche i cosiddetti esperti. Scrivo questo articolo come professionista specializzato nel trattamento del dolore nella speranza di diffonderlo insieme alla risposta univoca della...

Come spiegare il dolore con la pain education

9 suggerimenti per spiegare il dolore efficacemente secondo la pain education  Spiegare il dolore a un paziente è fondamentale. Ogni terapista ha il compito di apprendere questa capacità: modifica il metodo di lavoro, favorisce l'alleanza terapeutica e velocizza...

10 MITI DEL MAL DI SCHIENA e COSA FARE QUANDO COLPISCE

Protrusioni, addominali deboli, vertebre fuori posto...dì la verità: se hai sofferto il mal di schiena qualcuno ha già usato almeno una volta queste parole per darti una spiegazione. Muoversi quando la schiena è bloccata è dolorosissimo e si farebbe qualsiasi cosa per...

I 10 PEGGIORI TERAPISTI

Vuoi conoscere i peggiori terapisti che puoi incontrare? Lo special Guest  Adam Meakins ha deciso di supportarmi condividendo le sue idee ai colleghi italiani. Non lo nego!! Mi sento affine al suo scetticismo e sarcasmo, politically scorrect...ma onestamente...

Osteopatia del futuro

Osservo con piacevole interesse un fervente processo di innovazione nelle terapie manuali in Italia e nel mondo. Facebook, Twitter, Youtube e i Blog sono, anche in questo settore, la dimostrazione di quanto l’interconnessione stia facendo da volano all'evoluzione...

Differenze tra Stretching e Yoga

Esistono molte differenze tra Stretching e Yoga. Chi vuole essere più elastico non può accontentarsi di allungare passivamente dei muscoli. Praticare Yoga permette di ottenere risultati maggiori e duraturi. Capita molto frequentemente di trovare pubblicità di palestre...