4.1
(72)

Ansia e dolori muscolari e articolari sono collegati?

Alti livelli di tensione nervosa sono il terreno fertile di dolori diffusi e rigidità nei movimenti. Spesso causano sintomi comuni come tachicardia, vertigini, dolori allo stomaco, gonfiore, stitichezza e coliti.

Il sonno può essere disturbato e calano energia e voglia di uscire. Il nostro corpo è lo specchio di ciò che siamo: impara a comprenderlo per prendertene cura.

Ansia e sintomi fisici: perché lo stress provoca dolori muscolari?

La ricerca scientifica è concorde nel sostenere che ansia e stress siano il terreno fertile di disturbi comuni come il mal di collo, il mal di schiena e diversi dolori muscolari diffusi.

Perché?

  • L’aumento della tensione muscolare è uno dei principali sintomi fisici di ansia e stress.
  • il sistema nervoso rimane in allerta e fatica a compensare ulteriori sforzi fisici, mentali o psicologici, dopo aver superato certi livelli di sopportazione.

In queste condizioni molti iniziano ad evitare attività prima considerate “normali” per paura di peggiorare o sentire male e pian piano si indeboliscono.

La ridotta preparazione fisica, la scarsa abitudine a fare sforzi, posture mantenute per molto tempo o movimenti bruschi diventano così il substrato di indolenzimenti persistenti.

effetti ansia e stress: gli effetti più comuni

Esistono particolari condizioni in cui lo stress e le emozioni sono così intense, improvvise o costanti da rendere il sistema nervoso esageratamente sensibile. 

APPROFONDISCI LEGGENDO: Cosa provoca lo stress: sintomi, effetti e rimed

Dai la colpa allo stress perché non hai capito la vera natura del mio disturbo!

In effetti è difficile rendersi conto di una cosa che non si vede e che agisce il ppiù delle vole in modo silenzioso.

Alcuni credono di esserne immuni altri si ostinano a consideralro  un nemico da combattere, altri ancora si arrendono.

Parlando dei benefici dell’allenamento ho paragonato lo stress ad un corso d’acqua: ansia e stress infatti fanno parte della vita di tutti, ma a volte diventano un torrente in piena senza controllo.

Trovo affascinante questa metafora perché ansia e stress sono il più delle volte strategie e stimoli indispensabili utili a tirare fuori il meglio di sè, ma se quando non son ben incanalati diventano devastanti come un’alluvione.

Ogni comportamento è infatti il risultato della tua storia ed esperienze precedenti: in un modo o nell’altro è stato utile adottarlo per superare delle difficoltà.

Anche l’ansia e le strategie per gestire lo stress sono dei comportamenti: il nostro cervello impara ad usarli in base ai risultati che ottenuti nelle nostre esperienze epoi li ripropone automaticamente sotto forma di abitudini, scorrette o corrette che siano.

Io mi impegno a proporre ai miei pazienti ciò che la scienza ha convalidato come metodo più effiace.

 

 HAI DOLORI ALLA SCHIENA?

Forse c’è qualcosa che non va

o non sai come comportarti…

Alla lunga il perdurare dei sintomi di ansia e stress può portare addirittura a disturbi del sonno e disfunzioni sessuali che limitano ancor più la vita quotidiana: si entra in un circolo vizioso.

Naturalmente non basta trovare un paio di sintomi per farsi un’auto-diagnosi di ansia! 😊

Se comunque l’hai trovato e non puoi fare a meno di pensarci non ti sarà di certo sfuggita la soluzione più semplice: l’esercizio fisico.

Come curare ansia e dolori articolari co per curare ansia dolori muscolari e articolari con l'esercizio fisico

Un caso tipico di ansia e tensione nervosa

Abbiamo avuto tutti una mega interrogazione alla lavagna: probabilmente la sensazione di paura, disagio e ansia li ricordiamo bene.

Ansia a mille, cuore che batte all’impazzata, sudorazione profusa, tremore alle gambe e spalle tese. Poi arriva la domanda difficile e con essa un leggero senso di nausea: ma alla fine ognuno avrà provato con timore a rispondere osservando attentamente la reazione della prof.😉

Da un lato i sintomi fisici dell’ansia sono il risultato dell’azione di sostanze chimiche ben studiate, dall’altro il cervello memorizza il risultato finale in particolare quando è un successo.

In futuro si manifesteranno i medesimi sintomi in situazioni simili, ad esempio durante la preparazione di un esame, una gravidanza, un periodo di lavoro pesante, delle scadenze impellenti o una situazione affettiva complicata.

In queste situazioni, con tutta probabilità, non si è neppure pienamente coscienti dello stato di ansia oppure non si collegherà ad essa la presenza di certi sintomi quando perdura nel tempo oltre i livelli di sopportazione.

Ti ritrovi? Capita spesso nella vita di essere sotto pressione.

L’importante è riconoscerlo e prendere le dovute contromisure. Ci sono infatti delle tecniche molto efficaci quanto semplici che puoi usare in base al tempo a tua disposizione.

Perché l’ansia causa bruciori diffusi?

donna non capisce perché sente bruciori muscolari e articolari

Il sistema nervoso si sviluppa nel ventre materno dove inizia a elaborare e reagire agli stimoli provenienti dall’esterno in modo innato e automatico.

Ti sarà capitato di osservare il viso corrucciato di un neonato quando guarda spaventato un oggetto che si avvicina velocemente oppure quando si succhia agitato il pollice in attesa della poppata.

La tensione muscolare e la concentrazione su uno stimolo potenzialmente pericoloso sono reazioni innate e ci aiutano ad imparare come reagire alla realtà e alle nostre emozioni.

Se hai figli sai quanto i bambini siano sensibili a piccole variazioni di espressioni del volto, del tono della voce o della tensione muscolare del papà o della mamma dopo una caduta o un rimprovero.

Allo stesso modo un adulto percepisce una minaccia in modo differente a seconda del vissuto legato a precedenti esperienze e dal contesto in cui questa si presenta.

 

LEGGI ANCHE Effetto nocebo: come ansia, ambiente, spiegazioni inadeguate e scarsa fiducia aumentano gli effetti collaterali di una terapia

 

La persona che vive uno stato ansioso sperimenta tensione e allerta (ipervigilanza) che si prolungano in modo inconsapevole nel tempo. Da un lato quindi la tensione muscolare, dall’altro l’attenzione esagerata nei confronti di sintomi fastidiosi (soprattutto se ritenuti pericolosi o dannosi).

Ma è normale? Non è che è un’ernia?

Quando si parla di dolore non basta dare un nome. Bisogna sempre considerare ogni componente:

  • fisica (diagnosi di una patologia o lesione specifica);
  • emotiva (paura della diagnosi e delle conseguenze);
  • cognitiva (cosa ho capito di ciò che ho e delle sue conseguenze);
  • comportamentale (cosa non posso fare a causa di quel fastidioso bruciore, quel doloretto, quella rigidità che mi preoccupa).

Certamente i tuoi sintomi non vanno sottovalutati: un bravo professionista esclude facilmente la presenza di una causa specifica di un dolore, ma nella stragrande maggioranza dei casi bruciori diffusi a muscoli, colonna vertebrale o articolazioni non dipendono da lesioni ben definite.

Purtroppo l’assenza di una spiegazione precisa e la sensazione di incertezza conseguente portano molti a:

  • evitare di fare sforzi e movimenti sbagliati;
  • limitare l’attività fisica;
  • iper-analizzare i sintomi;
  • fare consulenze specialistiche ed esami sempre più approfonditi per problemi rarissimi;
  • vagare per Google in cerca di conferme. 😉

In questa angoscia e iper concentrazione sul dolore si evita la tattica più importante: iniziare a fare qualcosa per stare meglio.

Ansia e autodiagnosi

L’essere umano vive al 90% con il pilota automatico inserito. Raramente bada ai dettagli di quanto accade all’esterno e all’interno del proprio corpo.

Pensa se dovessi concentrarti per sentire il cuore battere correttamente, i polmoni muoversi per respirare, la saliva per bagnare la gola e magari mentre guidi, senza investire il pedone, guardando i cartelli per non perderti e arrivare a casa in tempo per fare la cena. Sarebbe una vita di inferno!

Chi ha sofferto di attacchi di panico lo sa bene: non è sostenibile concentrarsi su ogni singolo movimento del nostro corpo e bisogna subito fare qualcosa per stare meglio. 😊

Il pilota automatico dell’ansia però può condurre a cortocircuiti ed effetti collaterali. Non c’è nulla di male nell’auto-diagnosticarsi e auto-medicarsi quel “qualcosa di strano” che nessuno è riuscito ancora bene a capire perché esiste. L’importante però è fare qualcosa per non sentirlo più.

Spendi il tuo tempo per trovare un migliore equilibrio psico-fisico piuttosto che in mille congetture su infiammazioni, squilibri e doloretti strani. Sarò lieto di aiutarti se non riesci in autonomia.

 SOFFRI DI DOLORE ALLA SCHIENA?

Ansia e stress influiscono sulle tue TENSIONI:

esiste un METODO EFFICACE per RIDURLE!

Tachicardia, sudorazione e tensione nervosa

Tipicamente il cuore batte e sudiamo al lavoro o facendo sport. Il nostro sistema nervoso (ortosimpatico) produce questi effetti quando dobbiamo dare il massimo fisicamente, mentalmente ed emotivamente.

Per esempio durante una gara o un allenamento, ma anche un esame o un litigio.

L’aumento della frequenza cardiaca (tachicardia), l’aumento della pressione arteriosa, della tensione muscolare e della sudorazione sono sintomi comuni nello sport ma anche in chi è sotto stress, in chi scappa o prova paura.

Quanto più questi effetti fisici si protraggono nel tempo quanto più l’organismo li percepisce normali, mantenendo però una tensione nervosa costante.

Questa percezione fallace e questo iper-lavoro del sistema nervoso porta a una progressiva riduzione delle energie fino ad avere disturbi del sonno, inappetenza, carenza di memoria, meno voglia di stare con le persone e a volte disfunzioni sessuali.

Ansia, depressione e sintomi fisici trovano qui il loro anello in comune.

dolore, insonnia, stanchezza limitano la vita di una persona ansiosa

Ansia e infiammazione

La tensione nervosa di cui abbiamo parlato coinvolge anche i muscoli: una loro tensione muscolare protratta nel tempo modifica la circolazione locale, infiamma i tessuti, li indebolisce e ne altera la sensibilità.

Parlo di questo processo in modo molto tecnico e approfondito nell’articolo sulla sensibilizzazione centrale e il dolore cronico.

Per fare un esempio pratico ti parlo di Roberta, una mia paziente, costretta a fare un lavoro che non le piace. Il marito è stato licenziato dopo aver stipulato il mutuo della casa mentre era incinta del secondo figlio. Prova a immaginare la situazione di ansia e dolori muscolari dopo anni di questa vita.

È sempre troppo facile per terapisti, medici e motivatori incolpare lavori “sbagliati”, movimenti “sbagliati” e posture “scorrette”!

Io non sono fan di questa visione che in fin dei conti non ha mai dato grandi risultati sul lungo termine e sui grandi numeri. Forse al portafoglio dei singoli professionisti che si autoproclamano esperti della postura 😊

Fibromialgia, dolori muscolari e ansia

Quando si parla di dolori muscolari e bruciori diffusi senza una causa ben definita si moltiplicano i timori di fibromialgia o sindrome fibromialgica.

Quando si parla di diagnosi di patologie complesse come la fibromialgia si corre il rischio di semplificare oppure complicare le spiegazioni. Per questo motivo darò solo un rapido accenno.

Quando il dolore rimane durante la fisioterapia o una terapia manuale, quando si riduce, ma non del tutto o peggio torna con un picco inaspettato i miei pazienti mi guardano con faccia sconsolata, dondolano la testa e mi chiedono:

Non avrò mica la fibromialgia?

Dubito che molti di loro sappiano veramente cosa sia la fibromialgia.

Approfondirò questo tema prossimamente. Ma chiarisco: un conto è avere un dolore che fatica a passare, che tende a ripresentarsi o riacutizzarsi e un altro è avere un sistema nervoso che reagisce in modo inadeguato e generalizzato con dolore, febbre, spossatezza al minimo stimolo perché danneggiato.

Quando si parla di ansia, dolori muscolari e fibromialgia, terapisti e medici si sentono frustrati da una diagnosi fragile e banalizzano i sintomi (“sei ansioso”) o la terapia (“è un palliativo”). Ma dietro a un sintomo o una diagnosi c’è una persona che soffre. Davvero!

Per questo preferisco approfondire in altri articoli questi argomenti.

Vale la pena di ribadire che chi soffre di fibromialgia o dolore aspecifico, lo fa a seguito di una causa biologica condizionata in modo importante dai tratti della propria personalità, dallo stato psico-emotivo, e da una serie di comportamenti frutto di abitudini e comprensione di ciò che accade.

Per questo motivo nella cura del dolore cronico la soluzione più efficaci è la collaborazione di più professionisti e la rinuncia di fare terapie e diete miracolose, naturali o farmacologiche che siano.

Fondamentali invece sono la volontà di pianificare a lungo termine il percorso terapeutico e di confidare nei rimedi più efficaci a disposizione, come il mantenimento di una lieve ma continua attività fisica.

Ciò che premia in questi casi, seppure risulti banale dirlo, non è mai il brusco cambiamento dovuto a una terapia (certo la speranza è l’ultima a morire) o l’intervento miracoloso di un terapista, ma l’atteggiamento mentale giusto per affrontare una pianificazione fatta di piccoli passi lungo una strada che può essere piena di ostacoli da superare con orgoglio e forza di spirito.

Rimedi

come iniziare a ridurre ansia e stress in autonomia

Come pianificare il tuo benessere

Gli obiettivi da perseguire in un percorso di recupero del benessere psico-fisico non sono sempre facili da realizzare. Si ottengono più facilmente con una strategia predefinita.

La cosa migliore è stabilire piccole tappe per raggiungere un obiettivo concreto. Questo permetterà di superare anche preoccupazioni e lesioni legati a traumi, interventi, patologie e sintomi senza una causa specifica.

Ridurre ansia e stress: come iniziare

Il corpo recupera le energie in modo molto semplice: durante il sonno. Banale? Eppure la maggior parte dei miei pazienti affetti da dolori diffusi e persistenti dorme poco e male. Per mille motivi diversi.

Durante la notte o durante alcune attività particolari il battito cardiaco si riduce, la pressione si abbassa, il calore va all’interno e si rigenerano i tessuti.

Non sbagli notando che sono proprio sintomi e segni contrari a quelli dell’ansia. È l’effetto di una particolare funzione del sistema nervoso parasimpatico deputato a rigenerare, mettere a riposo e ridurre lo stress.

Funziona quando dormiamo, ma anche in tutte quelle attività in cui siamo concentrati in qualcosa che ci piace. Alcuni autori parlano proprio di “stato di flow”.

Lo stato di flow è tipico di tutte le arti creative come la pittura, la musica o il teatro, ma anche la scrittura e tutte le attività manuali e intellettuali che ci consentono di “staccare il cervello”: dal giardinaggio alla passeggiata, dalla lettura alla corsa fino alla settimana enigmistica e al sudoku se vuoi!

Anche vacanze e meditazione. Perché no, dipende da come si vivono però. 😉

La meditazione e la mindfulness sono le strategie più diffuse e studiate, ne parlerò presto in modo più approfondito. Quale di queste modalità hai già provato? E con quali risultati? Raccontamelo nei commenti in fondo.

Non dimenticarti di dedicare del tempo di qualità da trascorrere con le persone a te più care: mantenere stretti legami affettivi e relazioni sociali riduce ansia e stress, anche per la scienza.

Una blanda e costante attività fisica, anche se può sembrarti poco, è considerata da importanti ricerche come una delle migliori soluzioni per ridurre ansia, dolori muscolari, articolari e  i maggiori fattori di rischio causa di morte o gravi patologie (malattie cardiache, ictus, tumori, ecc.).

Basta solo una camminata per non avere ansia e far passare tutti i dolori?

No, ma chi ben comincia è a metà dell’opera dicono i nonni. Inizia così: scegli l’attività che ti piace e ti stufa di meno. Non importa neppure se inizi facendo solo qualche minuto. PARTI DA QUI!

Dopodiché ci sono tanti professionisti preparati per supportarti.

Può esserti utile conoscere il mio parere

o avere la mia supervisione?

In sintesi

Ansia e dolori muscolari, articolari e stress sono la doppia faccia della stessa medaglia. Molti fattori influiscono sul dolore e sulla sua percezione. Tra questi c’è l’ambiente che ti circonda, le persone a te vicine, il tuo livello di stress, ma anche i tuoi comportamenti.

Il tuo atteggiamento positivo sarà il volano del tuo percorso di recupero: ciò che cambia è quello che farai passo dopo passo per risolvere ansia, bruciori e tensioni nervose.

Pianifica i tuoi risultati partendo da quel che puoi. Cambiare a piccoli passi sarà meno faticoso di quello che ti aspetti. Inizia a mangiare in modo sano, trascorrere sempre più tempo con le persone che ti fanno stare bene, trovare piccoli spazi personali, gestire meglio il tuo tempo e fare qualche passeggiata in più. Poche e semplici cose.

E se non riesci da solo, appoggiati a professionisti preparati e bada che che non ti prospettino trattamenti d’urto e guarigioni rapide e miracolose.

Riferimenti bibliografici

Exercise as treatment for anxiety: systematic review and analysis

Stonerock GL, Benson MH, Smith PJ, Blumenthal JA

Ann Behav Med. 2015 Aug; 49(4): 542–556. doi: 10.1007/s12160-014-9685-9

 

The anxiolytic effects of resistance exercise

Strickland JC, Smith MA

. 2014; 5: 753.
Published online 2014 Jul 10. doi: 10.3389/fpsyg.2014.00753

 

Exercise in the treatment of clinical anxiety in general practice – systematic review and meta-analysis.

Aylett E, Small N, Bower P

BMC Health research 2018 18:559 https://doi.org/10.1186/s12913-018-3313-5

 

Differential Experimental effects of a short bout of walking, meditation or combination of walking and meditation on state anxiety among young adults.

Edwards MK et al.

AM J Health Promot. 2018

 

Let’s get physical: a contemporary review of anxiolytic effects of exercise for anxiety and its disorders.

Asmundson GJ, Fetzner MG, Deboer LB, Powers MB, Otto MW, Smith JA

Depress anxiety 2013 Apr; 30(4):362-73 doi: 10.1002/da.22043

 

The effect of mindfulness-based therapy on anxiety and depression: a meta-analytic review

Hofmann SG, Sawyer AT, Ashley AW, Oh D

The effect of mindfulness-based therapy on anxiety and depression: a meta-analytic review

Martin L, Oepen R, Bauer K, Nottensteiner A, Mergheim K, Gruber H, Koch SC

. 2018 Feb; 8(2): 28.  doi: 10.3390/bs8020028

 

Anxiety disorders. (2016, March).  https://www.nimh.nih.gov/health/topics/anxiety-disorders/index.shtml

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5573566/

Blumenthal, J. A., & Smith, P. J. (2010, November). Risk factors: Anxiety and risk of cardiac events. Nature Reviews Cardiology, 7(11), 606–608. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3743090/

Lee, S. P., Sung, I.-K., Kim, J. H., Lee, S.-Y., Park, H. S., & Shim, C. S. (2015, April). The effect of emotional stress and depression on the prevalence of digestive diseases. Journal of Neurogastroenterology and Motility, 21(2), 273–282. Retrieved from https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4398234/

Ultima modifica 17/02/2019

Ti è stato utile questo post?

Premi sulla stella per votare!

Media voti 4.1 / 5. Numero voti 72

Seguimi e metti Like!
Scopri come curo dolorestress